mercoledì 15 dicembre 2010

Le tasse sono bellissime

La notizia è tutta qui. Gelida, chiara e incontrovertibile.
L'Italia è al terzo posto nel mondo come carico fiscale. Oltre il 43 per cento, contro una media dei paesi Ocse di poco superiore al 33 per cento. E siamo terzi dietro a Danimarca e Svezia.
Traduco. Siamo il terzo paese al mondo per tassazione, ma dietro a due mostri di efficienza nel welfare, nei servizi al cittadino. Cioè mungiamo alla stragrande i cittadini del Bel Paese come i paesi del grande nord senza dare in cambio neanche un infinitesimo di quello che quelle democrazie invece restituiscono sotto forma di servizi, assistenza e efficienza pubblica.
Cioè siamo un vero e proprio insulto all'intelligenza e alla educazione civica.
In compenso siamo i penultimi al mondo per l'occupazione giovanile, sempre nei paesi Ocse. Fa peggio di noi solo l'Ungheria.
Insomma siamo ormai un disastro sia verso l'interno, sia verso i mercati internazionali che ormai ci stanno mettendo sotto la lente di ingrandimento e non vedono l'ora di sbatterci violentemente nella black list dei paesi ormai sulla via della bancarotta.

Nessuno ama le tasse. Ma ritengo che se uno stato, onesto e rigoroso, ci restituisse servizi efficienti, assistenza, burocrazia agile e puntuale, chiunque sarebbe a favore di un carico fiscale anche superiore.
Se lo stato facesse il suo dovere per aiutare i propri cittadini a vivere meglio, io accetterei anche di avere un carico fiscale più pesante. Senza dubbio.
Ma oggi siamo al paradosso. Il carico fiscale sale in continuazione, a fronte di una macchina pubblica sempre più inefficiente, demenziale e parossistica. E sempre più nell'occhio del ciclone con tagli di personale, di investimenti e conseguente sempre maggiore inefficienza.
Il classico cane che si morde la coda. E aldilà degli slogan elettorali che ci circondano da anni.
Che fare?
Non lo so. Ma forse qualcuno, in campagna elettorale, nella propaganda politica di tutti i giorni, con linguaggio accessibile a tutti, dovrebbe cominciare a dirle queste cose. E con la massima chiarezza. E non limitarsi a borbottare in un angolo, oppure come fanno altri, a sbavare a ogni occasione.
Io intanto compro libri su Amazon, che ha il 30 per cento di sconto...il tutto nella perfetta legalità.

Nessun commento:

Posta un commento

La porta (e l'olio)

Olio, tanto olio. In quelle pompette un po' vintage che ancora circolano oggi. In genere di colore rosso. Un pezzo di carta, un po'...