giovedì 4 novembre 2010

Ciao Bella!!!

Ma questo, cari signori, non è il derby di Milano tra Milan e Inter, non è scegliere se è meglio Bartali o Coppi, non è pensare se è meglio Yesterday o Satisfaction.
Questa non è una garetta tra Milano e Roma come antagoniste storiche delle cazzate.
Questo non è amare il mare o la montagna.
Nord o sud; est o ovest; sopra o sotto; biondo o bruno.
La riconciliazione non c'è, non esiste, almeno fino a quando qualcuno continuerà a sostenere che i campi non esistevano, oppure che i tedeschi erano sì molto cattivi, ma da noi, il fascismo faceva arrivare i treni in orario e alla peggio rifilava ai cattivoni qualche cucchiaio di olio di ricino.
La pietra tombale a carattere storico non funziona fino a quando ministri della Repubblica si rifanno a quelle idee, camuffandole, e tirandole fuori ogni volta che serve.
Pietro Secchia ripeteva, dopo il 1945, che la 'resistenza continua', che non bisogna abbassare la guardia.
E aveva ragione. E per fortuna non ha fatto a tempo a vedere cosa diavolo sta succedendo...
Quindi, cantare Giovinezza è un insulto a chi è morto per la libertà, per la democrazia, sacrificandosi anche per quella gente che oggi si fregia del titolo immeritato di ministro.
Cantare Bella Ciao è un inno agli alti ideali, alla libertà, e crepi l'avarizia!, al sacrificio per qualcosa che ormai non c'è più.
Se fossi ancora giovane sarei davanti all'Ariston a manifestare in tutti i modi il mio sdegno.
E Morandi questa poteva risparmiarsela...
Come conclude oggi Gramellini su La Stampa, 'non tutto fa spettacolo nella vita'. Geniale

Nessun commento:

Posta un commento

La porta (e l'olio)

Olio, tanto olio. In quelle pompette un po' vintage che ancora circolano oggi. In genere di colore rosso. Un pezzo di carta, un po'...