martedì 9 novembre 2010

Attenzione!, testo non omologato!

Lo so che mi tiro addosso di tutto e di più, ma lo dico lo stesso.
La trasmissione di Fazio di ieri sera - oggi osannata dai più come un fulgido esempio di buona informazione e di ottima televisione di denuncia, ritenuta punto di riferimento culturale per la cosiddetta 'opposizione' - è stata melassa pura.
Un esempio di buonismo all'acqua di rose, due ore di 'volemose bbene', un programma di abbracci e sorrisi di intesa, un mondo a parte.
Intendiamoci, va tutto bene, meno male che esiste, meno male che possiamo ancora vedere Benigni alle prese con la sua follia prorompente, ascoltare Saviano, Abbado, Vendola (ormai è dappertutto...).
Va tutto bene.
Ma ho passato due ore di disagio fisico assistendo a uno sciorinio di brave persone, di buone idee, di buoni sentimenti, in cui tutti erano perfettamente d'accordo con se stessi e con gli altri, senza che nessuno graffiasse un po'.
Ecco, è un programma di giuste carezze, gentili, delicate, educate, che non fanno del male a nessuno.
Magari tra un po' scoppia un bubbone pazzesco e una polemica all'inverosimile, ma non vi sembra strano che quelli là per ora non abbiano ancora gridato allo scandalo e chiesto una commissione d'inchiesta della Cia, del Kgb e del Mossad tutti insieme per valutare l'operato degli autori e dei presentatori?
Forse non sono in grado di vederli io i graffi che hanno fatto...

Nessun commento:

Posta un commento

La porta (e l'olio)

Olio, tanto olio. In quelle pompette un po' vintage che ancora circolano oggi. In genere di colore rosso. Un pezzo di carta, un po'...