sabato 31 luglio 2010

Alla conquista di Broadway

Pilù, dopo due settimane, ha finalmente concluso il suo periodo al campus sportivo.
Due settimane in cui ha fatto milioni di sport, ha socializzato con amici, ha fatto bagni e si è scatenato.
Ma soprattutto, buon sangue non mente!, si è filosoficamente relazionato in particolare con le sue compagne di corso: Alice, Chiara, Carlotta e sicuramente qualcun'altra.
Tutte le sere, andando a prenderlo a fine giornata, lo ritrovavo in mezzo a nuguli vocianti di belle bambine che se lo contendevano. Un vero latin lover degno dei migliori tacchini nazionali. Rossano Brazzi in confronto era un dilettante allo sbaraglio.
Ieri addirittura se lo contendevano due ragazzine decisamente più grandi, mentre lui si divincolava e cercava di raggiungere il suo papà che stava arrivando.
Una addirittura, con fare lascivo e seducente, lo chiamava sussurrando il suo nome. Imbarazzante.
La conclusione del corso si è sublimata in uno spettacolo ispirato a un famoso musical.
Pilù, come il suo papà, non è un uomo di spettacolo e nemmeno un attore nato.
Ma nel marasma nessuno se ne è accorto, anche perchè tutti erano così, anche quelli ben più grandi.
Lo spettacolo, fatto di balletti, piccole recite e coreografie degne di Broadway, è stato allietato da un fuori programma.
Essendo andato a prendere Pilù con BiBì, e alla loro madre, non poteva non esserci un addendum.
BiBì, che per un po' era rimasta buona e brava in attenta osservazione degli eventi, sull'onda delle note e del crescente casino, ha sciolto la prognosi e si è scatenata in un ballo continuo e spasmodico, facendo vedere a tutti come si fa al Bolscioi e alla Scala messi insieme.
Ha incominciato a correre in giro come una pazza, agitando e sfarfalleggiando le mani, fino a girare su se stessa e a roteare alla velocità della luce. E poi a sorridere 'alle telecamere', al pubblico e agli spiriti liberi.
Un fenomeno, una formidabile starlette.
Io ero allibito, sua madre la guardava sorridendo e Pilù, una volta finito il saggio si è avvicinata a lei con rispetto e complicità.
Due figli alla conquista del rutilante mondo dello spettacolo.
Io mi ritiro e aspetto le royalties.

Nessun commento:

Posta un commento

La porta (e l'olio)

Olio, tanto olio. In quelle pompette un po' vintage che ancora circolano oggi. In genere di colore rosso. Un pezzo di carta, un po'...