domenica 7 febbraio 2010

Escalation comica

Ufficiale.
Oggi la politica governativa, oltre a essere al servizio di poteri non forti, fortissimi, oltre a essere prona di fronte a chi sennò andrebbe in galera filato, oltre a essere strumento per fare le peggiori leggi che la storia repubblicana abbia mai visto, bene la politica oggi è anche, scusate il francesismo ma quando ci vuole ci vuole, prendere platealmente e letteralmente per il culo il popolo, bue e non.
Ormai è un'escalation. Dopo i primi teneri e timidi tentativi degli anni precedenti, dopo la 'scesa in campo' (ricordate meno tasse per tutti, oppure il tremendo 'aspettare l'ultimo' o qualcosa di simile), oggi si è persa ogni timidezza, ogni ritegno e si sparano grosse, grossissime, enormi, incommensurabilmente gigantesche.
E negli ultimi tre giorni credo che abbiano anche giocato il jolly (ricordate Giochi senza Frontiere?), perché tutto sembra raddoppiare, tranne la decenza.

1) Le tasse. L'altro giorno er caudillo de noantri, dopo giorni di silenzio e il giorno dopo l'approvazione del decreto sul legittimo impedimento - finalmente libero di un peso!,  si fa risentire e ci rilascia una sconcertante verità: ha abbassato le tasse. Pochi giorni fa la querelle sul fatto che avrebbe prima abbassato le tasse e poi che non poteva farlo perché i conti non lo permettevano. E allora come fare? Diciamo che l'abbiamo già fatto e amici come prima.
La politica come salto della corda.

2) Oggi si fa avanti uno dei più fidati fedeli. Lui non si vuole sottrarre ai processi. Voleva sempre andare, ma sa, signora mia, gli impegni, il lavoro, il Milan, la separazione, il figlio, i nipoti, la spesa...
La politica come 'cucù!.

3) E in più ci rassicura, il fidato fedele. Al termine del mandato il Lui si farà processare.
Mica vuole scappare.
La politica come 'faidate'.

Io non la voglio buttare tutta in politica, anche perché oggi di politico in giro c'è proprio pochino pochino, ma non avete la sensazione, tenue e delicata, che si stiano divertendo tutti come dei matti alle nostre ormai incurvate spalle?
Non vi sembra di essere in un film di Mel Brooks?
Qualcuno di voi ricorda 'Specchio segreto' di Nanni Loy?

Nessun commento:

Posta un commento

La porta (e l'olio)

Olio, tanto olio. In quelle pompette un po' vintage che ancora circolano oggi. In genere di colore rosso. Un pezzo di carta, un po'...