venerdì 26 febbraio 2010

Sono una mamma francese

Questa indagine, raccontata oggi su Corriere.it, dice e racconta una santa verità.
Cioè che se ci separa, se si divorzia, e non si hanno figli, è facile, molto facile che nella seconda esperienza se ne facciano un certo numero, sembra due.
Questa indagine fotografa la situazione familiare in Francia. Che ha caratteristiche, fenomeni e usi spesso molto lontani dai nostri.
Io in quanto maschio italiano, dopo aver letto questo articolo, posso senza dubbio dichiarare che sono una donna/mamma francese.
Dopo separazione, complicata, e finalmente essere arrivato al tanto sospirato divorzio, mi sono ritrovato risposato e ora padre (o mamma, a seconda del passaporto) di due bellissimi Squali che tanto riempiono (a volte debordando) la mia vita.
L'indagine, aldilà delle battute e della territorialità, fotografa una situazione abbastanza diffusa.
Se la prima volta non ha funzionato; se la prima volta i figli o non sono venuti o non si sono proprio cercati; se la prima volta la coppia è scoppiata, forse proprio perché non sono arrivati i degni eredi; è facile, quindi, che la seconda esperienza, voluta a tutti i costi, magari più ponderata vista l'età più 'matura', porti ad avere figli (in quantità!) e in modo più consapevole.
E' il sottotitolo di questo blog, o presunto tale: padre a cinquant'anni....
Esperienza dura, forte e al limite. Almeno mi sembra.
Ma esperienza impagabile, ricca, vera e fortissimamente consigliabile a tutti i padri non più giovanissimi che vogliono sentirsi vivi, mantenersi in forma e regalare sorrisi al mondo che li circonda.

1 commento:

  1. l'ho postato anche io su facebook,ma stamattina, quindi vinco io!ciao p

    RispondiElimina

La porta (e l'olio)

Olio, tanto olio. In quelle pompette un po' vintage che ancora circolano oggi. In genere di colore rosso. Un pezzo di carta, un po'...