martedì 9 febbraio 2010

La comanda

Ecco quanto ha concordato Pilù, detto il farabutto, con la sua educatrice alla scuola materna intorno al cibo e al menù di tutti i giorni.
Inqualificabile. E lei che gli dà anche corda.
Stamattina mi è stato consegnato il documento ufficiale, in una cerimonia pomposa e insopportabile.

Lunedì - Bastoncini Findus o similari (piuttosto la morte!)
Martedì - Prosciutto cotto (questo passa...)
Mercoledì - Uova alla cocque (robe da pazzi!)
Giovedì - Piattone di Delebio (formaggio buono della Valtellina)
Venerdì - Polpette (sua madre le fa molto buone)
Sabato - Risotto giallo (sottoscrivo)
Domenica - Lasagne della nonna (buonissime, ma ci vuole qualche settimana per digerirle)

Dopo il menù, ci sono alcune considerazioni a corollario che intendono dare la linea anche in tema di comportamenti, quantità, modalità, contorni, dolci e affini.
Il documento, in modo austero, quindi prosegue.

Porzioni adeguate alla mia età e non così...
Di verdura, pomodori piccoli, carote intere da sgranocchiare, patate di tutti i tipi.
Per la frutta, mela, ciliegie, frutti di bosco, mandarini e arance.
E poi si sbraca totalmente.
Focaccine, torta al cioccolato, yogurt alla fragola, budino non troppo freddo (!), cioccolato al latte (questo è figlio mio, non c'è n'è), gelato al cioccolato con panna montata e cioccolata calda con panna montata.
E inoltre. Patatine nel sacchetto, succo di frutta e per gradire acqua normale.
E per concludere in un crescendo degno di Ravel: panino al latte con marmellata di castagne ma anche di frutti di bosco.
La conclusione lascia tutti incantati e inchiodati al muro: vorrei dire, sottolinea il disgraziato, che non si deve mangiare tutti i giorni la carne!
Punto.
Attendo, rassegnato, la piattaforma di lotta di BiBì: è solo questione di mesi, ne sono certo.

Nessun commento:

Posta un commento

La porta (e l'olio)

Olio, tanto olio. In quelle pompette un po' vintage che ancora circolano oggi. In genere di colore rosso. Un pezzo di carta, un po'...