domenica 17 gennaio 2010

Promessi sposi

Di tutta risposta, nel tardo pomeriggio, si avvicina al mio letto di morte e mi sussurra:
- Sto facendo un disegno, tutto per te.
- Ah grazie, gli mormoro.
- Così lo porti con te quando te ne vai, mi spiattella deciso.
E io penso che forse lui sa qualcosa che non so.
- Perché, dove dovrei andare?
- Quando sarai vecchio te ne andrai, e questo disegno lo tieni così non ti dimentichi di me.
- Pilù io non mi dimenticherò mai di te, cerco di rassicurarlo. - Guarda che comunque a un certo punto sarai tu ad andartene. Troverai una moglie e farai una famiglia e te e andrai.
- Ah, ok.
Se ne esce e sento che dice a sua madre:
- Questo disegno lo dò al papà. E io me ne vado quando trovo la donna giusta (giuro testuali parole!!)
Giornata piena oggi!

Nessun commento:

Posta un commento

Teatro di prosa

È che la vita è un palcoscenico - anche se la visione è un po' banale e trita - in cui si susseguono scene senza che nessuno abbia scrit...