lunedì 13 luglio 2009

Anche se non sembra, la politica è una cosa seria

Quello lì chiede la tessera del Pd.
E gliela respingono, sembra. E mi sembra il meno.
Ma come si fa? Ma come si può? Ma è possibile?
E' vero che ci stiamo abituando alle infamie dei peggiori infami, alle bassezze più basse, alle schifezze più schifose, ma in mezzo a questo marasma apocalittico è necessario che si salvino almeno le regole basiche della politica, della serietà e della convivenza. Almeno a sinistra!
Ho sempre pensato che la politica, con la P maiuscola come si ama dire oggi, sia una miscela virtuosa fatta di spinta ideologica, voglia di fare, obbiettivi da raggiungere. E, perché no, anche ambizione personale. Ma il tutto rivolto a un bene comune.
Oggi siamo letteralmente allo sbando morale, al puro e unico interesse personale o di lobby, al paraculo istituzionalizzato. Siamo ormai giunti a un livello tale che è ormai molto difficile tenere viva una fiammella di speranza.
Ma mi auguro che in alcuni una visione, un sogno, un'emozione viva ancora.
E che certi personaggi, comici di nome e di fatto, che si aggirano chiedendo visibilità a ogni angolo, rimangano nel loro limbo, tra finzione e inutilità.
Se vuole stanno cercando il direttore del Tg2... Provi a mandare un curriculum, è la volta che lo prendono. Peggio di così...

Nessun commento:

Posta un commento

La porta (e l'olio)

Olio, tanto olio. In quelle pompette un po' vintage che ancora circolano oggi. In genere di colore rosso. Un pezzo di carta, un po'...