martedì 1 aprile 2014

Chi ha illuminato gli anni bui?

Il mondo è un po' più povero e vuoto oggi.
Apro il browser e la prima notizia che mi cade davanti è la scomparsa di Jacques Le Goff, straordinario e poliedrico storico del medioevo che ha segnato uno 'stile' del raccontare la storia, e che ha aperto a tutti, non solo agli addetti, le porte di quei secoli.
I suoi libri ci lasciano una testimonianza di approfondimenti e di studi altissimi, e occupano gran parte degli scaffali delle librerie.
Io, che dopo di noi, sono uno dei massimi esperti mondiali - e planetari - di Medioevo, ho un ricordo 'personale' dello storico francese.
Anni fa, si è tenuta a Parma una mostra su Medioevo ed Europa, sull'unità del nostro continente, cresciuta e rinsaldata proprio dalle caratteristiche differenti e dalle diversità storiche.
Un percorso straordinario, bellissimo, in una cornice da favola, in cui si mutuavano pezzi rari, reperti formidabili e momenti di vita quotidiana dell'Europa che fu e che ancora oggi è.
E poi - questo il ricordo più vivido - in una bellissima sala, si proiettava questa lunga intervista proprio a lui, monsieur Le Goff, che raccontava a noi poveri dilettanti storici della domenica allo sbaraglio il suo approccio alla storia, la sua capacità di raccontarla e di avvicinarla a tutti.
Un 'genio' del racconto, uno storico 'consumer'. A lui era permesso, perché a monte esisteva una cultura spaventosa e una sensibilità alla ricerca storica unica.
Comprate tutti i suoi libri.
Tutti???
Sì tutti, vi aprirà la mente.

Nessun commento:

Posta un commento

La porta (e l'olio)

Olio, tanto olio. In quelle pompette un po' vintage che ancora circolano oggi. In genere di colore rosso. Un pezzo di carta, un po'...