giovedì 16 giugno 2011

Democrazia liberale

Quando ero piccolo c'era il Partito Liberale. Segretario per una vita era Giovanni Malagodi, trombone dalla nota costante, che riusciva a ogni tornata elettorale, a raccogliere quel due o tre per cento che contribuivano a costituire quello che per anni è stato il pentapartito.
A volte era determinante, a volte meno, ma ha comunque permesso alla Dc e gli altri suoi alleati, di tenere in vita la prima repubblica forse oltre il lecito (politico).
Poi sono stati travolti, scomparsi, entrati in quella roba che si chiamava Forza Italia, e oggi, con un insulto alle singole parole, in Popolo della Libertà.
Ma questo 'glorioso' passato, oggi viene ogni tanto tirato in ballo dai cialtroni fascisti trogloditi al governo, cercando di nobilitare bassezze di ogni tipo.
Ma tant'è, sappiamo come siamo messi, ma soprattutto lo sa il mondo intero, che ci deride, ci butta fuori dalle sale di regia e ci emargina in ogni modo.
La cosa che mi sconvolge, attingendo alla cronaca quotidiana sempre più stomachevole, sono i comportamenti dei singoli, dei peones, dei portaborse senza arte né parte. Che, per farsi belli verso il capo di plastica, oppure per avere qualche momento di gloria mediatica, riescono a superare il loro mentore riuscendo, ma è possibile?, a essere anche più sgradevoli.
I liberali, caro lettore, sono questi.

1) Ministro di mezza altezza.
Ieri Brunetta, al tentativo di un gruppo di precari di rivolgergli qualche domanda (non di lapidarlo!), lui ha risposto con un bel "Siete l'Italia peggiore" e se ne è andato, voltando le spalle, fottendosi abilmente del suo ruolo pubblico di 'servitore dello stato'. Eleganza, sensibilità, capacità tattica, spirito di servizio...tutti concetti che i liberali, a quanto pare, ritengono superflui. A chi si è lamentato del suo operato, ha ribadito, che ridirebbe tutto, senza alcun pentimento.

2) Portatore d'acqua, o di borsa o di qualcos'altro.
Ieri Stracquadanio, parlamentare Pdl, commentando i risultati elettorali recenti, ha detto, più meno che hanno perso le elezioni perché "quelli di sinistra non hanno un c...o da fare tutto il giorno e quindi stanno su internet". In più oggi ha rincarato la dose chiedendo, al mondo intero, che i dipendenti pubblici "debbano essere puniti se frequentano il web". È ovvio che è ora inizierà la campagna contro internet, mondo senza controllo, per fare in modo che la democrazia diretta abbia un bavaglio legislativo degno dei paesi più totalitari. Ne vedremo delle belle, anche perché questi la Rete non la conoscono e ne hanno una paura folle.

Conclusione?
Niente di nuovo sotto il sole.
Ormai questi signori sono (in ordine di come mi vengono in mente):
- nervosissimi, perché vedono che la pacchia è ormai finita.
- divulgatori di parole chiave e slogan con ben altri intenti
- irrispettosi nei confronti di chiunque non sia sul libro paga
- incapaci e ci stanno portando alla rovina
- ignoranti come bestie
- pericolosissimi, proprio come una belva ferita
- io no so cosa significhi essere liberale, ma sono certo che non è questa roba qui
- razzisti come sempre
- e, scusate se qualcuno si offende, fascisti, di nome e di fatto.

Ma una risata li seppellirà tutti e poi, serissimi, ricostruiremo il paese, come sempre è stato.

3 commenti:

  1. .... non vedo l'ora che arrivi il tempo della ricostruzione... di questi 4 (anzi molti di più!!!) imbecilli che ci governano non ne posso proprio più!!!

    RispondiElimina
  2. Concordo sull'incapacità politica e di immagine del governo che purtroppo ho votato, come a suo tempo la maggioranza degli italiani.
    Mi auguro che il governo che verrà abbia la cultura, la capacità politica e il raziocinio di scelta che possa condurre l'Italia nella posizione che le spetta.
    Mi auguro anche che, pur di sinistra (che voterò), il futuro governo non sia un governo "comunista" perchè non ho mai visto prosperare nessun paese sotto la dittatura comunista.
    Non si preoccupi, non mi offendo, non sono fascista perchè non amo nessuna dittatura e totalitarismo, oltretutto è una corrente che non esiste più.
    Sono solamente un pochino più a destra di Lei, ma come recita il detto che a furia di andare a destra si arriva a sinistra, faccia attenzione perchè potrebbe accadere anche a Lei.
    Cordialmente

    RispondiElimina
  3. la coerenza dell'autore mi fa ben sperare che non accada mai!diversamente, quando guardero' il cielo, al posto di stelle e nuvole, vedro' gli asini volare...

    RispondiElimina

La porta (e l'olio)

Olio, tanto olio. In quelle pompette un po' vintage che ancora circolano oggi. In genere di colore rosso. Un pezzo di carta, un po'...