mercoledì 8 febbraio 2017

Ce la metto tutta

Caro Andrea,
fino a quando non si diventa padre non si può sapere cosa significhi.
Chi non ha figli non lo può capire, non può comprendere la gioia infinita che si prova a diventarlo e a esserlo.
L'amore per i figli è una cosa che non si può raccontare, spiegare. È impossibile.
Si prova e basta quando lo si vive.

Per questo motivo le discussioni infinite che stiamo facendo da qualche giorno - dopo il tuo sfogo disperato l'altra sera sul tema 'pallavolo' - sono per me da una parte doverose e direi obbligatorie, dall'altra mi stracciano il cuore.
Vederti distrutto, non apprezzato, messo in discussione e, forse, anche un po' deriso da qualcuno, per me è una lancia nel costato.
Dall'altra parte, mi dico, che questa è la vita. Fino a oggi tutto è stato più semplice, soprattutto per te, ragazzo intelligente oltre la media che porta a casa solo successi.
Oggi è il momento di una 'sconfitta', da tutti i punti vista.
Ma, come mi hai detto stamattina, c'è un ma.
- Sai papi, questa cosa della pallavolo mi ha messo a dura prova. Sono stato male, molto, per settimane e ho cercato di tenere duro. Ma non va.
Io l'ho stretto forte a me, cercando di trasmettergli soprattutto conforto e rassicurazioni. Anche nella 'sconfitta'.
- Ma Papi, c'è dell'altro.
Io mi irrigidisco.
- Dell'altro?
- Sì, da settimane ho un compagno di banco che non è cattivo, anzi, ma è un continuo chiedere aiuto, per ogni cosa, e io non mi sento più padrone di me stesso. Si è appoggiato a me completamente. Passo mattinate con questo fardello sul collo, come se fossi io a dovermi occupare di lui. Non ne posso più.
Ascolto.
- Tra la pallavolo e questa cosa della scuola, io sono nervosissimo, rispondo sempre male, sono stressato a mille (gli piace tanto questa espressione). E non ne posso più.

Essere padre è difficilissimo, è una militanza 24 ore su 24, 365 giorni all'anno.
Io non so se sono un bravo padre, non lo so proprio, in particolare da un po' di tempo a 'sta parte.
Ce la metto tutta...ce la metto tutta.
Credimi.
Un bacio
Papi

Nessun commento:

Posta un commento

La porta (e l'olio)

Olio, tanto olio. In quelle pompette un po' vintage che ancora circolano oggi. In genere di colore rosso. Un pezzo di carta, un po'...