mercoledì 18 gennaio 2017

La svolta

Ci siamo, si svolta.
E di brutto.
E quando si svolta due sono i casi: o si trova la strada nuova, bella libera, veloce, diretta, con gli alberi e il fiumiciattolo bucolico a fianco, oppure appena finita la curva ci si trova di fronte al muro e si sbatte. E quasi sempre, sbattere, fa male.
Forse c'è una terza alternativa, un tempo si sarebbe detto democristiana, senza scossoni, che è poi quella meno affascinante: ci si trova di fronte alla stessa strada che abbiamo sognato di cambiare con la meta prefissata e sempre uguale.
Quindi non la prendo in considerazione, sennò mica svoltavo, o no?

Comunque o la va o la spacca e il bello è proprio quello.
Svoltare, girare, cambiare, stravolgere, rinnovare, rivoluzionare - pur tenendo in considerazione tutti i rischi, fa nascere le farfalle dentro la pancia (altro che innamorarsi), fa sognare a occhi aperti, attiva le cellule celebrali più nascoste e dormienti e fa riaprire gli occhi cisposi e socchiusi.

Di che parlo?
Quando sarà il momento le folle che si affollano follemente con fare folleggiante intorno a questo presunto blog saranno sicuramente tra le prime a saperlo.
Un indizio, per i più curiosi e per i più letterati: io non farò di certo la fine di Buzzati!!



Nessun commento:

Posta un commento

La porta (e l'olio)

Olio, tanto olio. In quelle pompette un po' vintage che ancora circolano oggi. In genere di colore rosso. Un pezzo di carta, un po'...