mercoledì 14 dicembre 2016

Dodici

Caro Andrea,
oggi è il tuo compleanno. E fanno dodici.
Stamattina, all'alba, ti sei infilato nel mio letto, contento, agitato, fremente per la giornata.
Io ti ho sussurrato "tanti auguri, amore mio" e tu mi hai abbracciato come mai lo avevi fatto in passato.
Sono stati attimi di fortissima intimità, di un figlio con suo padre, quasi a sigillare un rapporto, inossidabile.
Abbiamo parlato a lungo.
Dei tuoi regali - Non aprirli fino al mio ritorno stasera, eh? - della scuola, dei tuoi amici, delle tue 'donne'.
Mi hai anche detto che "ora che sono in piena pre-adolescenza chissà cosa succede...".
Non succede nulla, figlio mio, o forse cambia tutto.
Ma sta già cambiando, e da tempo.
Ormai sei alto come una pertica, hai cominciato a staccarti da tua sorella. Fino a poco tempo fa eri iperprotettivo nei suoi confronti, le stavi attaccato come una cozza, ora stai lanciandoti verso la tua strada, contrapponendoti spesso a lei.
Ma va bene così, fa parte della crescita, della vita. A un certo punto della vita ti ricongiungerai con lei, ritornerai a essere complice. Ricordati che il rapporto con i propri fratelli o sorelle è quello più duraturo, più lungo. E forse il più bello.

Se il futuro ce lo permette, abbiamo davanti tempo e modo per coltivare questo meraviglioso rapporto, esclusivo, tutto nostro!, fatto di complicità 'tra maschi', amore vero e rispetto reciproco.
Quando avrai figli capirai quanto grande, assoluto possa essere l'amore che un padre prova per un figlio. Fino a quasi far male, fino a sacrificare tutto, anche se stesso.
Stasera ci divertiamo, e molto.
Un bacio infinito.
Papi

Nessun commento:

Posta un commento

La porta (e l'olio)

Olio, tanto olio. In quelle pompette un po' vintage che ancora circolano oggi. In genere di colore rosso. Un pezzo di carta, un po'...