mercoledì 8 aprile 2015

Brutto mondo, adieu!...eccheppalle

L'età conta, altroché, ma forse non è l'unico motivo per cui non ne posso più di molte cose.
Soprattutto, della voglia matta del mondo d'oggi di vedere sempre il brutto, di avere sempre il peggio, e di voler assistere all'orribile.
Mi voglio far promotore a livello planetario - e non solo - di un'iniziativa che salvi il bello (o perlomeno il buono), e che conservi per molti la possibilità di avere dei lieti fini alle storie che assistono.
Almeno nel mondo letterario.
Basta con storie brutali, finali spaventosi, vicende orripilanti e degradanti, basta con le brutture di ogni genere. Basta con chi per forza ci racconta narrazioni oscure, in cui l'unico traguardo sia sconvolgere e turbare.
È necessario battersi per fare in modo che il mondo oggi abbia qualche speranza, anche nei cibi per la mente che sono i libri.
È insopportabile dover combattere quotidianamente con pagine che ci accompagnano nel degrado, nella tristezza a tutti i costi, nella follia.
E non è fuga dalla realtà.
La realtà è fatta di spaventose testimonianze e di folli devianze (basta leggere i giornali), ma ci presenta anche felicità, amore, vittorie e lotte per il bene.
Ormai si stenta a trovare storie che abbiano un'evoluzione positiva, in cui ci si riscatta, in cui i protagonisti riescono a trovare momenti di serenità e quindi anche a trasmetterli al lettore.
C'è in fondo spazio per tutti a questo mondo.
E il libro che mi vede impegnato nella scrittura - che forse non vedrà mai la pubblicazione, ma tant'è - vuole proprio raggiungere questo obiettivo.
E chi mi ama mi segua.

Nessun commento:

Posta un commento

La porta (e l'olio)

Olio, tanto olio. In quelle pompette un po' vintage che ancora circolano oggi. In genere di colore rosso. Un pezzo di carta, un po'...