lunedì 19 agosto 2013

Marcia indré!

Che devo dire?
Un sacco di gente - ma davvero! - mi ha scritto per chiedermi perché, per dire 'Non farlo!', per chiedere, risentiti, spiegazioni. E poi vedendo le statistiche vedo un crescendo del traffico.
Misteri della rete.
Io ho ignorato tutto e tutti, ma ormai mi pare maleducato.

Avevo immaginato un'evoluzione del blog, avevo pensato alla creazione di un sito che allargasse un po' gli orizzonti, che potesse racchiudere tutto quanto faccio, penso, scrivo e farnetico.
Appena scritto l'ultimo post mi sono arrivati molti solleciti - sia verbali di amici, sia via email da frequentatori più o meno assidui del blog, addirittura alcune telefonate. Manco fossi Camilleri o un guru della rete.
L'evoluzione del sito, le ambizioni personali si scontrano con la cronica mancanza di tempo, con le capacità progettuali limitate e, sinceramente, con la voglia.

Queste pagine hanno da sempre avuto l'obbiettivo di aprire una sorta di 'archivio selezionato' della mia vita, da quando i miei figli hanno fatto la loro irruente comparsa.
Uno spazio che permettesse, a me prima di tutto, di raccogliere pensieri, fatti aneddoti ed evoluzione di una vita, familiare e non, e che permettesse di non dimenticare qualche frangente della mia vita di padre.
Senza dimenticare l'attualità, la follia del mondo che ci circonda e le stranezze di una vita, originale per definizione.
E poi per scrivere - bene o male, non ha importanza -, mestiere che amo, che mi trascina lontano lontano, e che mi riempie il cuore.

Conclusione?
Conclusione, marcia indré, cambio di programma, e ritorno nei ranghi.
Riprendo 'il percorso' iniziato e vediamo cosa succede.

Ora che ho fatto ritorno in ufficio dopo le vacanze estive.
Grazie a tutti e a... presto.

1 commento:

  1. ne sono felice....
    leggo sempre... non sempre commento ma mi piace "ascoltarti"..
    grazie per aver cambiato idea

    "Il saggio dubita spesso e cambia idea...."
    Akhenaton

    RispondiElimina

La porta (e l'olio)

Olio, tanto olio. In quelle pompette un po' vintage che ancora circolano oggi. In genere di colore rosso. Un pezzo di carta, un po'...