martedì 2 luglio 2013

Ultimo

Buongiorno a tutti, belle e brutti.

Nel lontani 1981, Enrico Berlinguer dichiarò 'conclusa la spinta propulsiva della rivoluzione d'ottobre'. Un'affermazione forte, uno degli atti fondanti del distacco ormai avviato da tempo del Pci dal partito padre di tutti partiti, cioè quello sovietico.
Non entro nel merito dell'affermazione, ormai datata e irriformabile, anche se ancora oggi non sono d'accordo, ma tant'è.

Uso questa parentesi storica per fare un - irriverente, non lo nego! - paragone con questo blog.
Queste pagine sono nate da una voglia irrefrenabile di condividere con chi ne aveva voglia, la gioia e i timori di una paternità, reiterata tra l'altro!, tanto tardiva e tanto desiderata.
Uno spazio sul web che potesse, prima di tutto, diventare un archivio nella cloud infinita dei miei ricordi sui miei figli, della loro crescita, della loro vita, anche se a livello episodico.
Lasciando spazio anche ai ricordi personali, oltre che a deliri politici estemporanei, ironie sulla società dell'informazione, follie dell'epoca moderna e quanto capitava.
Ora, quella spinta propulsiva è finita e gli entusiasmi di scrivere - prima che di condividere - si stanno spostando verso altri altre possibilità, altri obbiettivi.
La crisi spaventosa che viviamo inoltre non aiuta, drenando forza e resistenza, prosciugando ed eliminando ogni distrazione.
Ho qualche idea in testa su come continuare, ma la testa si rifiuta di seguirmi. Magari con qualcosa di simile, ma diverso.
Vedremo nel futuro.
A chi ha letto un grazie.
A chi non l'ha mai letto (pochi nel mondo...) un pernacchione e un semplice 'non sai cosa ti sei perso'.
A bientot.

Nessun commento:

Posta un commento

La porta (e l'olio)

Olio, tanto olio. In quelle pompette un po' vintage che ancora circolano oggi. In genere di colore rosso. Un pezzo di carta, un po'...