lunedì 31 dicembre 2012

Buon 2013


Belle le vacanze…
Partito il 27 per la montagna di sempre, il 28 toccata e fuga a Milano per un impegno di lavoro, 28 sera brivido leggero mentre ero seduto sul divano, 29 e 30 febbre ignobile e infingarda, oggi - ultimo dell'anno - rintronato e in via di guarigione, domani rientro a Milano per ricominciare fresco come una rosa un altro anno alle prese con crisi e recessione sempre più affamata.
Bello no?
Ma che dire, mai lamentarsi troppo.

I bambini grazie a mia moglie sono riusciti a sciare tutti i giorni, a prendere le lezioni con il maestro, Bianca è diventata una furia della neve e Andrea ha fatto passi da giganti. Dovremo lavorare fino a 100 anni per pagare quanto ormai costa sciare in questo paese allo sbando, ma la cosa principale è il sorriso compiaciuto dei due Squali quando ritornano a casa dal loro papà in via di estinzione, e ti raccontano, ti raccontano, senza neanche prendere fiato.
Con le gote rosse, occhi vispi, lingua sciolta, gestualità pronunciata e soprattutto una gioia nel cuore che commuove.
I miei figli sono meravigliosi - quando vogliono - e riescono ad addolcire anche i momenti più difficili.
E io, nella mia camera di morte in attesa che i monatti mi portino via, vivo dei loro racconti e di quelli di mia moglie.
Piccoli momenti, pezzetti di conversazioni, battute.

Bianca, che mi ama alla follia in particolare quando siamo lontani, alla fila per riprendere la funivia, ormai a pomeriggio inoltrato, di fronte a quei tramonti che solo le cime e le valli riescono a regalare (il mare c'ha da pedalare, e non ce la fa comunque…) si gira verso sua madre e le dice:
"Guarda mamma, sembra un quadro". Lei si scioglie come è di prammatica, ma sua figlia non demorde e rifila la stoccata decisiva:
"Mamma, aggiunge con voce frignolenta, è tutto bellissimo ma è un peccato che non possa condividere tutto questo con il papone (che poi sarei io, anche se dopo la dieta ferrea a cui mi sono sottoposto ormai di 'one' ho proprio poco).
Capito? Mica male, no?

I figli ti disintegrano la schiena, ti portano il cuore verso l'infarto, ti affondano nel più profondo degli abissi emotivi, ti fulminano sulla via della pace.
I figli ti scuotono dal tuo torpore.
I figli ti annientano ogni tristezza, ogni rancore, ogni dolore.
I figli sono quello che siamo noi - genitori - senza il peso degli anni vissuti.
i figli son gioia pura, e al diavolo tutto.

Buona anno a tutti, e soprattutto a loro.

Nessun commento:

Posta un commento

La porta (e l'olio)

Olio, tanto olio. In quelle pompette un po' vintage che ancora circolano oggi. In genere di colore rosso. Un pezzo di carta, un po'...