sabato 2 luglio 2011

Povera Grace, principessa di eleganza e bellezza

Stasera si viaggia alti, anzi altissimi.
Talmente alti che siamo atterrati al livello del mare.
Mi sono sempre immaginato il mondo delle teste coronate, visto che per ingannare il tempo tutti i giorni sono intenti a lucidare le corone e alcuni a sciacquare le pinne dei pesci, che fossero almeno dedite al bel vivere e al bel vestire.
Le nozze dei rampolli inglesi, con sorelle avvenenti e ospiti cosiddetti illustri, avevano dato un'immagine del bel mondo per lo meno elegante, nella sua maggioranza.
A parte qualche giovane ragazza figlia di qualche pessima principessa, in genere la media era elegante, spesso sobria.
Oggi il bel mondo si è mostrato ancora, in occasione delle nozze del principe di Monaco, ahimè figlio di Grace Kelly.
Il parterre è un po' meno selezionato, direttamente proporzionale all'importanza del regno.
Il principato di Monaco è sì meno importante del colosso inglese, ma pur sempre uno dei luoghi al centro del mondo che conta, grazie alle sue bellezze, al suo casinò, ma soprattutto alle sue agevolazioni fiscali.
Quindi conta, eccome.
Eppure, da queste carrellate di foto, si rimane agghiacciati dalla partecipazione e soprattutto dalle allucinanti vesti, scarpe, cappellini e dai portamenti. Una sfilata di mostri che lascia atterriti.
Qualche esempio? Eccolo.
Poi se vi volete del male potete guardarveli tutti. Però prima, mi raccomando, sinceratevi di aver mangiato leggero.

Prima serie di foto da Repubblica.it.
1) Questo qui (foto 5), che non capisco neanche bene perché lo invitano, cerca di cavarsela, ma la moglie è veramente imbarazzante. Matrimonio in minigonna? Sembra appena uscita da una festa il sabato pomeriggio...

2) Il tennista Leconte (foto 11) schiacciato nel suo abito con una moglie ancora più imbarazzante. Stessa festa?

3) La versione di plastica di Simon Templar (foto 12) non ha neanche un sarto che gli faccia un orlo decente e soprattutto il tempo per andare al mercato a comprarsi una scarpa che non sia un mocassino.

4) C'è pure uno anche senza cravatta (foto 13). Manco fosse il mio di matrimonio...

5) Attenzione alla foto 18, molta attenzione. È per stomachi forti. Forse l'ex first lady francese veste l'abito migliore del reparto abbigliamento dell'Auchan, forse lo sponsor della manifestazione. La signorina che la guarda con schifo nel cuore è forse la caporeparto e sta contemplando l'idea di dare le dimissioni.

Seconda serie di foto da Repubblica.it.

6) La fiera dell'improbabilità la trovate alla Foto 2. Con la moglie di Cavalli che sembra appena uscita dal Piper negli anni '60.

7) E chi non si ricorda di Jean Todt? Tutti lo ricordiamo alla guida della Ferrari. Chi invece si è dimenticato di lui, e in particolare delle sue misure, è il suo sarto. L'antiterrorismo l'ha marcato stretto per tutta la cerimonia perché poteva ferire gli sposi se saltava quel gancio (foto 5)...

8) Quelle riprese alla foto 6, sono invece tre imbucate che stavano andando in spiaggia ma si sono incuriosite dell'assembramento e hanno provato a entrare. E nessuno le ha fermate, visto che erano tutti impegnati a curare Jean Todt.

9) Alla foto 7 trovate la tappezziera del casinò, che non si è accorta di avere incollato al sedere un pezzo del drappeggio utilizzato negli antibagni.

Grace si sta facendo delle risate che si sentono fino a qui.

Nessun commento:

Posta un commento

La porta (e l'olio)

Olio, tanto olio. In quelle pompette un po' vintage che ancora circolano oggi. In genere di colore rosso. Un pezzo di carta, un po'...