venerdì 12 novembre 2010

Avviso ai naviganti

Attenzione, Attenzione!!!

Questo è un avviso a tutti i genitori, a chi ha i figli in età scolare, a tutti quelli che incontro con l'aria assonnata la mattina davanti alle scuole dei miei figli.

1- O vi svegliate o vi svegliate
2- È inutile, italianamente parlando, borbottare in continuazione senza poi prendere una posizione una che sia
3- Non è vero che non possiamo fare nulla,
4- Non è vero che non è possibile farsi ascoltare
5- È finito il tempo della testa sotto la sabbia

I genitori, che poi sono una buona fetta dell'elettorato italiano, hanno dalla loro parecchie cartucce per impedire che la scuola vada a catafascio:

a- votare per i partiti che si schierano a favore della scuola pubblica, che la finanziano, che la potenziano
b- 'scassare' letteralmente l'anima alle amministrazioni comunali e statali attraverso tutti gli organismi che la legge mette a disposizione, attraverso tutte le possibili forme di lotta e di pressione che la vita democratica dispone.
c- partecipare alla vita quotidiana della scuola per sapere, per conoscere, per comprendere
d- ritenere la scuola come un momento fondante della crescita dei propri figli, e non un baby parking

Perché queste notizie urlano vendetta, fanno incazzare come bestie, soprattutto perché, dopo gli annunciati tagli in tutte le direzioni, questi sono scellerati colpi di coda di un governo moribondo che con azioni come queste cerca consensi per le imminenti elezioni (sapete il clero fa gola...).

Ma è possibile che questo paese non si indigna più per nulla?

Nessun commento:

Posta un commento

La porta (e l'olio)

Olio, tanto olio. In quelle pompette un po' vintage che ancora circolano oggi. In genere di colore rosso. Un pezzo di carta, un po'...