venerdì 1 ottobre 2010

Un frappé di bambini

Le settimane a scuola di Pilù si susseguono.
Dopo 15 giorni di lezioni, il primo bilancio è questo:
- cambiato di banco due volte per approdare a una ragazzina carina che sicuramente è meglio di tanti baluba maschi
- iniziato i corsi di avviamento allo sport per due giorni alla settimana (dalle 16,30 in poi)
- gli altri tre sono riempiti uno, da un'uscita alle 16,30 e gli altri due dal post-scuola
- tre le baby sitter che si alternano a ritirare sia Pilù sia BiBì (un esercito)
- quasi tutte le matite dell'astuccio consumate e iper-temperate (se andiamo avanti così chiudiamo per fallimento)
- Gormiti ormai in stato di abbandono
- sempre più notti si alza e viene nel 'lettone'
- sveglia alla mattina sempre più difficile

Per quanto riguarda BiBì la situazione è questa:
- abbastanza tranquilla all'entrata a scuola materna
- ormai si sta facendo un giro di amici che la tranquillizzano molto
- anche le educatrici sembra vadano bene e sembrano molto attente
- rifiuto totale di una delle baby sitter che l'altra sera è stata letteralmente contestata con seguente rifiuto di seguirla verso casa (santa bambina...)
- parolacce a gogò che chissà dove impara
- frigne continue in casa con conseguente irritazione profonda nei confronti del papà
- sempre più notti si alza e viene nel 'lettone'
- sveglia sempre più complicata

Il problema vero, aldilà di battute e considerazioni di facile ironia, è che gli Squali, da settembre hanno:

- iniziato scuole nuove con tutto quello che ne consegue
- cambiato baby sitter che avevano da quando erano nati
- subìto tutto l'impatto verecondo e violento del lavoro dei loro genitori che in questo mese è stato veramente assurdo per quantità e impegno ( e non se ne vede la fine...).

E' come se se fossero stati messi entrambi in un frullatore...

Bisogna avere un po' di comprensione e pazienza.
La fatica sale, moltissimo...

Nessun commento:

Posta un commento

Un mondo che se ne va

E siamo giunti alla sera precedente degli esami di Andrea, terza media. E non mi par vero. Ora è più alto di sua madre, adolescente fino a...