lunedì 25 ottobre 2010

L'amore non è un calesse, ma un integrale

La matematica non è un'opinione.
L'amore è un sentimento incontrollato.
L'amore è un integrale.

La matematica, mi perdonino i professionisti del calcolo, in fondo non è nient'altro che un percorso, più o meno guidato da indicazioni (regole). Chi è bravo le sa leggere, le indicazioni, e arriva alla meta, spesso anche divertendosi. Chi non le sa leggere, chi non conosce le regole, sbatte contro un albero o cade in un dirupo. Si diverte meno, e soprattutto non risolve 'il problema'.

Bene dopo questa farneticante introduzione arriviamo al punto.
Sovrapponete queste due notizie e alla fine tirate le somme, come in un'addizione aritmetica, come in una funzione matematica.

Ci vogliono venti centesimi di secondo per innamorarsi. O meglio bastano venti secondo e tac!, patatrac! e si cade nell'imbecillità tipica di chi ha preso una 'cotta'.
Proprio poco poco. Per questo si chiama colpo di fulmine perché è proprio una reazione estemporanea, fisica e soprattutto cerebrale.
Per questo quando succede c'è poco da fare. Si può combattere, lottare, ma quando capita non c'è via di scampo. E se l'altro ricambia si parte verso nuove avventure. Altrimenti ci si dispera.

Bene, a fronte di questa constatazione para-scientifica, è ovvio che, matematicamente parlando, siano altissime le percentuali di tradimento, di occhi che si incrociano, di avventure pseudo-clandestine, di amori paralleli.
Questa ricerca, ci dice che in Italia più della metà degli uomini e quasi la metà delle donne tradisce, ha avventure, copula fuori dal proprio talamo familiare.
In una società in cui la velocità e la frenesia sono diventate padrone, a spese del ragionamento e della meditazione e della qualità, se bastano pochi centesimi di secondo per perdere la testa di una donna (o uomo), è ovvio che i tradimenti aumenteranno in modo esponenziale, le avventure si rincorreranno, e i matrimoni traballeranno sempre di più.
1+1=2. La matematica non è un'opinione...

Nessun commento:

Posta un commento

La porta (e l'olio)

Olio, tanto olio. In quelle pompette un po' vintage che ancora circolano oggi. In genere di colore rosso. Un pezzo di carta, un po'...