mercoledì 8 settembre 2010

Quei giorni che sconvolsero il mondo

L'acqua di questi giorni, copiosa e fastidiosa, ha lavato via tutto.
Malinconia, indeterminazione, fastidio...lasciando spazio e tempo a una solida determinazione e volontà di spianare tutto.
Bellissimo il rientro dalle vacanze, o presunte tali.
Tutti si sbizzarriscono nel dare motivazioni, raccontare frustrazioni, suggerire ricette per addolcire l'amaro in bocca. Tutti cercano di prolungare la sensazione di evasione che, a volte, il viaggio ti dà.
Io quest'anno ho avuto un contraccolpo di tristezza nel cuore, con la consapevolezza, scientifica e misurabile con numeri, che tutto lo sbattimento che tipicamente si fa nella propria vita fosse assolutamente inutile.
Ma poi passa.
E quando passa, il rimbalzo in fondo, è pari a un pallone da basket lanciato da un grattacielo: velocità, linearità e potenza inusitate.
Così mi sento, finalmente, ora.
Pronto al mondo, alle sfide, alle lotte, dure e cruente, ai duelli.
Lo vedo ormai da due giorni.
Voglia di fare, di pensare, di progettare. Tutto lontano dai finti buoni propositi del rientro.
Vere e proprie rivoluzioni, personali e professionali, che sconvolgeranno il mondo nei prossimi mesi.
E chi mi sta vicino, prego, si mette un elmetto, una tuta ignifuga e stivaloni!

Nessun commento:

Posta un commento

La porta (e l'olio)

Olio, tanto olio. In quelle pompette un po' vintage che ancora circolano oggi. In genere di colore rosso. Un pezzo di carta, un po'...