domenica 8 agosto 2010

Novella Calligarsi vs Mark Spitz

Ormai la famiglia del mulino mica tanto bianco si è trasferita definitivamente in montagna, per le meritate vacanze.
Quest'anno niente di esotico o particolarmente ricercato, anche per essere vicino a vecchio nonno che ormai ha seri problemi.
Comunque siamo qui, nell'amata Valmalenco per rigenerarsi un po', riposarsi un po', pensare un po' e inventarsi tutti i giorni qualcosa.
Gli Squali sono ai sette cieli.
Ogni giorno succede qualcosa di nuovo. Passeggiate in posti bellissimi e pieni di misteri; giornate intere con bambini a giocare e a sfidarsi; nuove esperienze e nuove conoscenze; aria pulita.
Oggi per esempio puntata alla piscina del paese. Acqua calda e bassa a prova di incapace come sono io quando si tratta di affrontare qualsiasi cosa che ha a che fare con l'acqua, poco affollata, e inoltre un magnifico scenario montano viste le gigantesche vetrate che dominano la valle e le sue montagne. Un'esperienza bellissima che ha divertito tutti noi ma soprattutto i due succhiasangue che poi sono i miei figli.
Grazie ai tubi di plastica e alle tavolette, i due ragazzi si sono scatenati per più di un'ora senza uscire un attimo combinandone di tutte.
Ma naturalmente la regina del regno acquatico è sempre lei, BiBì, che inforcati i suoi braccioli e cavalcando uno di quei tubi di plastica, si è lanciata in lungo e in largo nella piscina doppiando più volte Capo Horn e soprattutto suo fratello.
Una furia. In confronto un delfino è un gambero di acqua dolce.
Pilù in compenso si è divertito un mondo, anche se sempre con quell'aria compassata che lo contraddistingue.
Quest'anno, con la neve, si comincia con lo sci e sono sicuro che BiBì partirà in quarta e Pilù con mooolta più calma.
Ma sono sicuro di una cosa: con i loro tempi, con le loro velocità nella vita arriveranno.

Nessun commento:

Posta un commento

La porta (e l'olio)

Olio, tanto olio. In quelle pompette un po' vintage che ancora circolano oggi. In genere di colore rosso. Un pezzo di carta, un po'...