sabato 24 luglio 2010

I secondi ottantanni di Gianni Clerici

Auguri Auguri Auguri!!!!
Come ci annuncia, dalle pagine del suo giornale, lo stesso giornalista/scrittore/poeta e non so che altro, in una sottile e ironica intervista, Gianni Clerici compie gli ottanta, in piena salute (spero) e con ancora molte idee da tradurre su carta.
Per me, ex istruttore di tennis, giocatore dilettante a livello regionale e grande appassionato del sport più bello del mondo - oggi un po' meno - Clerici è stato uno dei punti di riferimento sia a livello informativo, sia a dal punto di vista tecnico.
Il tennis raccontato dal giornalista lombardo, prima dalle pagine del glorioso 'Il Giorno' di matteiana memoria, è stato quanto di più formidabile dal punto di vista letterario e tecnicamente inappuntabile.
Il suoi articoli hanno raccontato gli anni d'oro del tennis, e soprattutto - quelli che anagraficamente sono stato in grado di assaporare - quel tennis straordinario a partire dalla fine dei '60.
Io ho incominciato a 'capire' i suoi articoli proprio quando ho iniziato a vedere il tennis in tv, quando ancora Laver, Newcombe e Rosewall, insieme al nostro Pietrangeli e al nascente Panatta, calcavano i terreni di gioco rigorosamente in terra rossa oppure in verde erba di origine britannica.
Ma io cominciai a leggerlo in modo assiduo, a sognare con le sue righe talvolta irriverenti, dall'avvento di Orso Primo re di Svezia (Bjorn Borg) che si contrapponeva a Jimmy l'Antipatico (l'odioso Connors) per poi arrivare al Moccioso irlandese McEnroe.
I soprannomi sono da sempre una sua specialità e fotografano nell'immediato la personalità, e forse la capacità tecnica - chi si dimentica dalla definizione nativa 'pallettari' la trasmutazione in 'arrotini'? - dei protagonisti dei campi in giro per il mondo.
E poi le telecronache insieme al fido Tommasi, le battagli culturali contro le racchette moderne in grafite e di maggiore dimensione, la capacità di annusare il campione nei tornei giovanili. Oltre ai premi e a riconoscimenti in giro per il mondo.
Questo il giornalista.
Poi lo scrittore ancora più straordinario.
Io vi suggerisco ' I gesti bianchi', una rassegna di tre racconti sul mondo del tennis in tre diverse epoche con tre scenari differenti.
E poi '500 anni di tennis' un librone che ci racconta la storia dello sport con racchette e palline e che è diventato in tutto il mondo un testo di riferimento per completezza e originalità.
Leggetelo ancora oggi su Repubblica e cercate i suoi libri. Vi farà bene.
E speriamo, se ne ha voglia, che scriva per altri ottant'anni!

Nessun commento:

Posta un commento

La porta (e l'olio)

Olio, tanto olio. In quelle pompette un po' vintage che ancora circolano oggi. In genere di colore rosso. Un pezzo di carta, un po'...