lunedì 7 giugno 2010

Medaglia d'argento

I miei figli crescono. E già, crescono proprio.
Ieri guardavo Pilù. E' diventato grande, almeno fisicamente. Si è alzato ancora, sta cambiando il viso, mi assomiglia di più.
Ma anche BiBì è così.
Ora che grazie a questo schifoso caldo - che tutti hanno invocato e ora ci becchiamo nei denti! - gli Squali si scoprono con calzoncini corti, canottiere e sandali, ci si accorge come si sono allungati, cresciuti, sviluppati.
Ieri in giardino correvano come pazzi e alcuni bimbi della loro età, e più grandi!, facevano fatica star loro dietro. BiBì è una vera scheggia.
Ma poi dentro sono ancora piccolissimi.
Ieri, tornata la madre, BiBì dopo due giorni in cui è stata bravissima, dolcissima e affettuosissima, ha ricominciato a segnare il territorio con urla, pianti e capricci inverosimili.
E anche Pilù, che patisce sempre di più di non essere il protagonista assoluto, si è messo a frignare e a cercare di attirare l'attenzione della mamma.
E' forse tale l'amore e la voglia di attenzione della madre che tutti e due non controllano la propria emotività e i propri sentimenti.
E non è una lotta tra loro. E' una lotta singola tra loro e la madre.
In questo ruolo di psicologo della domenica non posso fare a meno di pensare che in fondo, se stanno buonissimi quando sono con me, significa forse che che la passione verso il loro padre è sicuramente diversa, più pacata, meno spasmodica. Più distaccata.
Chissà se è così in tutte le famiglie.
I padri sono sempre solo solitari backup?
Mi devo rassegnare a una vita da comprimario dell'affetto?
Posso ambire solo alla medaglia d'argento?

Nessun commento:

Posta un commento

La porta (e l'olio)

Olio, tanto olio. In quelle pompette un po' vintage che ancora circolano oggi. In genere di colore rosso. Un pezzo di carta, un po'...