martedì 29 giugno 2010

La mia fida pistola

- Ehi Tex, ce l'hai a portata di mano la tua 'sorellina' (la fidata Colt...)?
- Certo Kit, e chi se ne separa. E' l'unica garanzia di sicurezza oggi nel west.
- Giusto, come faremmo senza? conclude il fido partner del più famoso dei ranger dell'ovest 'selvaggio'.
Questo un immaginario dialogo tra Tex Willer e Kit Carson, i famosi protagonisti dell'interminabile saga a fumetti ambientata nel Far West, tra indiani, delinquenti di ogni risma e furfanti di ogni tipo.
Il Far West, appunto.
Un periodo che nel nostro immaginario collettivo - grazie ai film della Hollywood d'oro e ai giochi da bambini almeno della mia generazione - vedeva gli eterni buoni contro gli stra-eterni cattivi, in un conflitto interminabile che si concludeva sempre con la vittoria dei baciati dal signore, e sempre grazie a una buona dose di pistolettate, fucilate, morti e feriti (pochissimi...).

Un mondo che, con la sentenza della Corte Suprema americana, probabilmente si vuole recuperare, e perché no?, rivivere.
La Corte ha infatti ribadito l'inalienabile diritto costituzionale del cittadino americano alla difesa, e quindi alla sua possibilità di possedere armi senza alcuna autorizzazione, o quasi. Con buon pro delle lobby dell'industria delle armi, sempre più potente e sempre più debordante.
L'articolo della Stampa che riporta la notizia, ci racconta già di una situazione al limite del parossismo. Nella società americana moderna infatti circolano oltre 200milioni di armi, possedute da meno della metà delle persone (un paio d'armi a testa, che volete che sia...).
L'americano medio, quindi, circola con pistole sotto la giacca, fucili a ripetizione nel bagagliaio e magari ha anche qualche cannone nel fienile, oltre a due o tre bazooka sotto il letto.
E infatti - come in un'operazione aritmetica - la società americana è tra le più violente del pianeta, in particolare nelle megalopoli, additate da molti (non si sa perché) come esempio di civiltà e convivenza.
Con questa sentenza probabilmente le armi lieviteranno ancora di più e il numero dei morti aumenterà utleriormente, garantendo così il senso di insicurezza nel cittadino, e quindi nuova linfa ai fatturati già miliardari delle società produttrici di morte. E qualche politico 'affiliato', prima o poi, sicuramente, suggerirà una legge  in cui si imporrà al cittadino di andare in giro con la fondina ben in vista.

Il mondo sembra proprio non imparare mai nulla. Sembra quasi che ci sia l'impossibilità celebrare di trattenere gli insegnamenti della storia. Sembra quasi che il male sia più forte del bene.
Una risata vi seppellirà, maledetti!
Giorgio Gaber docet.

Nessun commento:

Posta un commento

La porta (e l'olio)

Olio, tanto olio. In quelle pompette un po' vintage che ancora circolano oggi. In genere di colore rosso. Un pezzo di carta, un po'...