mercoledì 23 dicembre 2009

Pennarelli vs lavoro

Scuole chiuse ieri. Appunto per neve.
Domandandomi tutto il giorno, come si domanda anche una dolce lettrice, come fanno nei paesi dove la neve è la norma, ho dovuto portare Pilù in ufficio.
Tutto il giorno qui con me, in una di quelle giornate di fine d'anno in cui, come è normale che sia, succede di tutto.
Ma è stato bellissimo averlo qui di fianco a me. Ormai è grande e capisce e quindi sa stare al suo posto quando è necessario.
A un certo punto voleva disegnare.
- Papàààà. ci sono dei pennarelli?
- Non credo Pilù. Ci sono solo quelli grandi per le lavagne. Ma provo a sentire.
Riesco a recuperare una quantità industriale di evidenziatori, ma sembrano funzionare.
Lui per un po' colora, commenta, dichiara e sentenzia.
Poi a un certo punto mi domanda:
- Questi pennarelli li posso lasciare qui così la prossima volta che vengo posso disegnare ancora?
- Certo, li lasciamo qui sulla scrivania di papà e nessuno li tocca.
Silenzio per altri cinque minuti, impiegati in un minuzioso ritocco alle gambe del Signore della Foresta.
E poi a un certo punto:
- Papààà, tu non cambi lavoro, vero?
- No che io sappia (e mentre rispondo tocco tutto quello che c'è da toccare visto che l'azienda è mia...) - Perché?
- Ah meno male, perché se cambi lavoro dobbiamo ricordarci i pennarelli, e tu ti dimentichi tutto!
Logica ferrea e inattaccabile.
Io gli sono scoppiato a ridere in faccia, letteralmente.
E lui, un po' offeso:
- Perché ridi?
La sera, nuova odissea per portarlo dai nonni oltre frontiera della provincia con ritorno allucinante sotto un'acqua torrenziale e un incidente con cinque auto coinvolte che mi hanno fatto fare una coda di quasi un'ora.
Ecco perché, mi sono detto per l'ennesima volta, i figli si devono fare quando si è giovani!!

1 commento:

  1. Grazie per la "dolce lettrice" voglio farti tanti Auguri di Buon Natale Paolo.

    p.s. I figli sono come il Natale: quando arrivano arrivano e tu te li cucchi adesso, ma non è affatto male, fatica fisica a parte...
    Ciao Nicoletta.

    RispondiElimina

La porta (e l'olio)

Olio, tanto olio. In quelle pompette un po' vintage che ancora circolano oggi. In genere di colore rosso. Un pezzo di carta, un po'...