lunedì 7 dicembre 2009

Lettera a un figlio già nato

Caro Pilù,
tra poco farai i cinque anni e ormai ti avvii verso la vita alla velocità della luce.
L'anno prossimo, in questo periodo, avrai iniziato da qualche mese la scuola, e la tua vita sarà quindi cambiata in modo sostanziale e, diciamo, in maniera irreparabile.
Ma non è di questo che voglio parlarti.
Voglio solo che ormai tu sia informato di una questione importante e fondamentale per te e per il tuo futuro.
Tu sei malato. Intendiamoci, non perchè, e per fortuna!!!, tu abbia una qualche malattia congenita che ti limita la crescita o che ti impedisca di fare una vita normale.
Tu sei un maschio, caro Pilù, e quindi hai addosso una sindrome, che è stata scoperta proprio in questi giorni e che di fatto, agli occhi di molti, ti rende diverso, inaffidabile, infingardo e traditore.
Questa è la triste realtà che ci viene rivelata dall'etologo del caso che ci racconta che i maschi sono traditori e infedeli, in campo sentimentale, intendiamoci!!, semplicemente perché rispondono a un non bene identificato 'richiamo della foresta'.
Richiamo della foresta, capito Pilù?
Vedrai, nei prossimi anni, man mano che avanza la tua educazione e le tue frequentazioni intellettuali e culturali si apriranno a teorie e opinioni sui diversi argomenti, una cosa ti verrà sempre confermata. Gli uomini abitano sì questo mondo, proprio come gli animali, ma da loro si differenziano proprio grazie, o per colpa, del cervello, parte essenziale della nostra esistenza e che ci fa vivere in modo ragionato e intellettualmente vivo.
Invece oggi, in questo orribile dicembre di questo ancora più orrendo anno, finalmente qualcuno ha rivelato l'arcano, capito l'antifona e liberato la verità.
I maschi, quando sono ufficialmente o ufficiosamente accoppiati, di fatto hanno una tendenza naturale al tradimento, all'infedeltà di coppia, al farfallonamento libero e obbligatorio.
Io non voglio darti né indicazioni né ordini, ma solo un suggerimento.
Ma caro figlio mio, a questo punto, lascia perdere. E' inutile che combatti contro un richiamo atavico pre evolutivo. E' inutile che tu lotti contro te stesso e contro il tuo stesso sangue.
Lasciati andare e, scusa il francesismo, fattele tutte. Tanto sei malato, che ci vuoi fare?
E quando la tua compagna o tua moglie o la tua fidanzata, andando contro la loro natura fedele e religiosamente familiare, o forse perché drogate, ti riveleranno un loro tradimento o un loro inopinato scivolone sentimentale, cerca di comprenderle e soprattutto rispondi loro senza tentennamenti: avete sentito 'il richiamo' anche voi?

Un auspicio, caro figlio mio. Quando sarai 'più grande'; quando sarai un protagonista della tua vita; quando sarai davanti alle grandi decisioni; speriamo che almeno allora il mondo sarà diventato un po' migliore e soprattutto un po' più serio.
Ti abbraccio con affetto, rivelandoti che anche il tuo papà regolarmente sente il richiamo della foresta: per questo motivo va spesso a funghi o a fragole.
Un bacio
La tua quercia

1 commento:

  1. Bellissimo " la tua quercia" !
    servono buone radici in effetti per non cadere sotto i colpi dei "negatori di cervello" di quest'epoca moderna.
    Sai Pilu' 15enne quando leggerà il tuo blog................................
    Ciao Nik

    RispondiElimina

La porta (e l'olio)

Olio, tanto olio. In quelle pompette un po' vintage che ancora circolano oggi. In genere di colore rosso. Un pezzo di carta, un po'...