venerdì 4 dicembre 2009

Bisogna stare calmi!!!

Io non so voi, ma visto che soffro di insonnia, di notte purtroppo la mente vola - in alto o in basso non so - e pensa, ripensa, ricorda, ragiona...
E stanotte, vi assicuro, buona parte della mia veglia è stata funestata dalle immagini - totalmente virtuali anche se purtroppo reali - dell'asilo nido di Pistoia, dei maltrattamenti e delle piccole torture agli altrettanto piccoli ospiti.
Oggi il Corriere, con estremo senso 'dell'eleganza', pubblica prima il filmato vero e proprio, cosa che mi sono guardato bene da visionare; per poi toglierlo improvvisamente, ripiegando sui fermo-immagini. Forse qualcuno in alto, nel tempo in cui scrivo queste note, ha protestato, per fortuna.
Ieri, in tribunale, i genitori dei bambini matrattati hanno potuto assistere ai filmati.
Li descrivono, dopo la visione, in lacrime, terrorizzati, disgustati, furibondi.
E come dar loro torto?
Ogni giorno gli Squali, in due strutture diverse, vengono affidati a visi sorridenti ed educatrici professionali e capaci. Magari con più o meno esperienza, più o meno simpatici - ai bimbi o ai genitori - ma con la certezza di avere di fronte persone oneste, professioniste e trasparenti.
Se solo avessi la minima perplessità su di loro; se solo pensassi che c'è qualcosa di strano nel loro rapporto con i miei figli; se solo avessi la minima sensazione di un atteggiamento ambiguo da parte di chicchessia, scatterebbe subito l'allarme.
Oltre ai maltrattamenti, la cosa che fa più male è rompere il patto di fiducia che una famiglia speranzosa sottoscrive con strutture di questo tipo. Una fiducia smisurata e assoluta visto che si affida loro la cosa più cara che ognuno ha: i propri figli.
Quindi?
Quindi, porca miseria!, chi maltratta i bambini indifesi, che si approfitta della loro innocenza e purezza, chi li raggira con qualsiasi fine - anche quelli più odiosi! - deve essere perseguito, condannato e 'ingalerato' come dice Pilù. E, permettetemi, la chiave deve essere buttata in un tombino molto, molto profondo.
Ancora il mio senso civico, il mio rispetto per la vita umana, mi impediscono di pensare a soluzioni più drastiche e finali. Ma ormai faccio molto fatica a mantenermi saldo nei miei principi.

1 commento:

  1. Le stesse parole che ho detto io " in galeraaa" e via la chiave! Comportamento davvero abbietto, indecente, disgustoso, oltretutto l'aggravante è che sono donne, che fino a qualche tempo fa avevano il famoso istinto materno, ce lo siamo bevuto pure quello??
    Miserie umane .....tolleranza zero in questi casi.
    I Bimbi sono "untouchable".
    Ciao nik

    RispondiElimina

La porta (e l'olio)

Olio, tanto olio. In quelle pompette un po' vintage che ancora circolano oggi. In genere di colore rosso. Un pezzo di carta, un po'...