sabato 17 ottobre 2009

Il problema è per chi resta

Ieri i funerali di Nonna Angela. Giornata impegnativa.
Funerali strazianti, anche perché più la famiglia è grande, pluricomposta, e maggiore è il dolore.
Il dolore non si diluisce, come un qualsiasi succo nell'acqua: più acqua hai meno ne senti il sapore.
Il dolore no. Si moltiplica. Più persone soffrono e maggiore è la prostrazione, maggiore è il senso di abbandono, anche se la solitudine si attenua.
Come diceva Pavese, il problema è per chi resta.

Nessun commento:

Posta un commento

Teatro di prosa

È che la vita è un palcoscenico - anche se la visione è un po' banale e trita - in cui si susseguono scene senza che nessuno abbia scrit...