martedì 29 settembre 2009

Ups de noantri

Passeggini di ogni foggia e colore assaliti e sfondati da bambini ormai in età da matrimonio, o peggio, da divorzio. Bambini giganteschi, quasi in età scolare, che riempiono queste carrozze moderne e che dovrebbero sostenere al massimo 15/20 chili. Piedi a penzoloni, spalle contrite, e mamme affaticatissime che spingono sudando il pesante fardello.
Ma il problema vero è quello che sta dietro.
La necessità sempre di fare in fretta, la paura, le bici, le auto, i gas, la sicurezza in genere...
Come non capirle queste mamme in perenne corsa contro il tempo? Come non comprendere i papà sempre più con la lingua a penzoloni? Si fa presto a criticare, cari giornalisti...
Per quanto ci riguarda, Pilù ormai non ci sale più da un pezzo e BiBì invece lo porta regolarmente con sè. Il che significa che ci ostiniamo a trascirnarlo in giro noi, mentre lei se ne guarda bene da utilizzarlo. E quando ci sale si lancia in equilibrismi sempre più temerari: in piedi, in ginocchio, lo spinge lei, lo prende anche un po' a calci, e così via.
E infatti il suo passeggino sta perseguendo una sorta di mutazione genetica in corsa: è sempre più spesso una sorta di trolley gigantesco dove scaricare ogni tipo di peso e ingombro.
Con gran sollievo della schiena del suo vecchio papà.
Grazie BiBì!

Nessun commento:

Posta un commento

La porta (e l'olio)

Olio, tanto olio. In quelle pompette un po' vintage che ancora circolano oggi. In genere di colore rosso. Un pezzo di carta, un po'...