mercoledì 16 settembre 2009

Povera Italia, ma sul serio

Io credo che il mondo in senso lato, e la Ue in senso istituzionale, debbano farsi carico, insieme alla parte sana di questo paese, del problema B., del suo malgoverno, ma soprattutto delle sue manifestazioni senza controllo.
Quest'uomo, ormai è provato, ha una serie di problemi che ormai lo sta portando a essere contro tutto e contro tutti, a insultare tutti quelli che non si allineano, a occupare tutto e tutti. E il problema sessuale si aggiunge.
Dopo i coglioni, ora ci sono i farabutti.
Qualche segnale, timido, di presa di coscienza emerge dal fatto che ieri sera, nonostante la sua occupazione della Rete 1 con il suo più fidato collaboratore, la gente gli ha voltato le spalle, preferendo altri programmi, partite, fiction o altro ancora.
Una situazione allarmante. Imbarazzante con l'estero che ormai gli ha voltato le spalle definitivamente, sia a livello istituzionale sia mediatico.
Oramai tutti, tranne i suoi reggicoda a libro paga, stanno aspettando che se ne vada, che politicamente sparisca, che si ritiri, che vada a giocare con i suoi nipotini.
Il tempo stringe, ormai.
La domanda è sempre la stessa: ma quando avverrà cosa succederà?

Nessun commento:

Posta un commento

La porta (e l'olio)

Olio, tanto olio. In quelle pompette un po' vintage che ancora circolano oggi. In genere di colore rosso. Un pezzo di carta, un po'...