mercoledì 23 settembre 2009

Assolto per mancanza di prove

Pilù ha quasi cinque anni. BiBì appena compiuti i due. Due pulci nel deserto.
Eppure l'altra sera, un po' per caso, facendo pulizia nel computer, mi sono ritrovato a rivedere vecchie foto e soprattutto antichi filmatini di amena vita familiare.
Quei pezzi di arte cinematografica che quando li vedi tu ti divertono un sacco, ma che ammazzerebbero anche la nonna più romantica e sensibile del mondo. Peggio ancora se li fai vedere agli amici; ti odieranno per tutta la vita.
Ma tant'è. Torniamo a noi.
Rivedere quei filmati in cui Pilù stenta a parlare oppure gattona in giro per la casa, oppure ritrovare BiBì sdraiata ancora incapace a reggersi sulla schiena, non solo ti fa capire che il tempo scorre e va, ma soprattutto che la nostalgia fa presto a prendere il sopravvento. Non è necessario aspettare vent'anni per rincorrere il passato, per cercare di ritornare indietro.
Basta poco, o meglio basta sempre meno tempo. Deve essere direttamente proporzionale all'età che si conquista di giorno in giorno.
E con una conferma, perdipiù scientifica: il dna non è paglia.
Sentire Pilù che blatera e cerca di farsi capire nello stesso modo e nello stesso tono di BiBì oggi, vederlo ridere proprio come fa sua sorella, vederlo urlare per qualcosa con la stessa incazzatura violenta che contraddistingue tutte le giornate di della principessa, beh fa impressione. Due gocce d'acqua.
Questi filmini, come detto ammazzerebbero anche dei rinoceronti. Ma hanno un vantaggio.
Li ho fatti quasi tutti io. E quindi non compaio mai, o quasi.
Quindi posso confutare con forza quella tesi balzana, che qualcuno ha messo in giro - sarà il solito comunista - che io invecchio: mi spiace, non ci sono le prove.
Quindi non è vero.

2 commenti:

  1. Da qualche tempo leggo il tuo blog, su cui sono capitata per caso.E' bellissimo.Le tue osservazioni mi sembrano quelle degli italiani di "una volta": intelligenti, originali, critiche, con un'ironia garbata e mai banale. Complimenti. E speriamo che di "italiani dinosauro" (cioè di quel genere d'italiani ormai estinti, attualmente classificati come farabutti, comunisti etc etc), nella fosca era berlusconi (che ha cancellato ogni capacità intellettiva in un popolo che un tempo era noto per creatività,ricchezza ed eleganza cognitiva)ne restino abbastanza per riprodursi anche quando i tempi cambieranno. Per un'italia futura consapevole e migliore.

    RispondiElimina
  2. Caspita Claudia, troppa grazia. Ti ringrazio moltissimo per gli apprezzamenti che fanno piacere soprattutto perché non brilla per la quantità di commenti, nonostante, lo dicono le statistiche, le visite crescano.
    Comunque teniamo duro. Il futuro, visto al punto in cui siamo, non può che essere migliore.
    A presto
    p

    RispondiElimina

La porta (e l'olio)

Olio, tanto olio. In quelle pompette un po' vintage che ancora circolano oggi. In genere di colore rosso. Un pezzo di carta, un po'...