mercoledì 26 agosto 2009

Ne chiude un'altra, di libreria.
A Milano è una strage, annunciata tra l'altro.
Non voglio entrare negli aspetti di mercato, nelle responsabilità, nelle tendenze culturali di oggi. E non voglio neanche piangere oltre il dovuto.
Se questo mondo ha scelto il libero mercato come base attorno al quale costruire una società e un modo di convivere, è inutile recriminare. Bisognava pensarci prima.
Questo è oggi il pensiero dominante.
Tutti lo condividono e quindi silenzio, almeno per un po'.
Ma voglio solo ricordare. Ricordare com'era prima.
In libreria si andava a comprare i libri, e non a bere il caffé, a cazzeggiare oltre il dovuto, ad ascoltare musica o quant'altro.
Entravi e ti aggiravi per gli scaffali. Sfogliavi, leggevi un po', compravi, ma soprattutto, se volevi, parlavi con il libraio, vero consulente letterario, grande conoscitore del mercato e naso fino per le tendenze.
E intendiamoci, anche lui aveva i suoi gusti, le sue preferenze. Mica era un robot!!
Ma aveva una caratteristica straordinaria: ti annusava e capiva quasi subito a che cosa puntavi e quindi ti sapeva orientare, senza forzarti.
Questo se entravi in sintonia con lui. In caso contrario, lo scontro era automatico e l'antipatia raggiungeva immediatamente livelli da 'rissa' letteraria. Ma allora decidevi di cambiare libreria e tanti saluti al suonatore (e al libraio).

Le grandi librerie di oggi offrono grandi spazi, caffé e panini per tutti, cd e dvd a gogò, una scelta infinita e un'organizzazione straordinaria. Ma sono spersonalizzate, un po' meccaniche, efficienti fino alla noia.

A ognuno la propria. Ognuno ha i suoi gusti.
Il problema è che tra un po' rimarranno solo le ultime e non si potrà più scegliere.
E tutto, senza voler fare il nostalgico 'scontato' del bel tempo andato, sarà decisamente un po' più triste.

Nessun commento:

Posta un commento

La porta (e l'olio)

Olio, tanto olio. In quelle pompette un po' vintage che ancora circolano oggi. In genere di colore rosso. Un pezzo di carta, un po'...