mercoledì 22 luglio 2009

When the music's over, turn out the lights

A un certo punto della vita è necessario fermarsi.
Fermarsi e osservare tutto quello che ti circonda e che non vedi e non hai visto, tanta è la velocità e la convulsione con cui vivi.
E allora ti accorgeresti di quanto amore hai perso, di quanta amicizia hai smarrito, di quanto affetto ti è sfuggito.
Fermarsi. Bella parola; bell'idea soprattutto!
Ma chi riesce a farlo? Chi ha questo lusso oggi?
Il vero ricco è quello che riesce a disporre del proprio tempo. Ma ancora più ricco è chi riesce a vendere tempo a chi non ce l'ha. Tempo e mente libera.
Merci rare, merci rarissime, anzi introvabili.
Altro che superenalotto...
Sono stanco, molto. Di tutto e di tutti.
Anche di questo blog.

Nessun commento:

Posta un commento

Teatro di prosa

È che la vita è un palcoscenico - anche se la visione è un po' banale e trita - in cui si susseguono scene senza che nessuno abbia scrit...