venerdì 10 luglio 2009

Un posto in prima fila

- Aioaaaa, Aioaaaa, atte ponto!!!

Così urlava a squarciagola l'altro giorno BiBì, per la prima volta, dalla cucina, chiamando suo fratello alla colazione.

Fa impressione assistere, giorno dopo giorno, a come i figli crescono, imparano, avanzano inesorabili verso la vita, senza che niente e nessuno li possa fermare.

Un giorno si versano l'acqua addosso appena avvicinano un bicchiere alla bocca, e il giorno dopo bevono senza lasciarne una goccia. Una settimana camminano barcollando, e l'altra corrono spediti.

E' bello essere padri, proprio per questo. Perché ogni giorno è come se tu fossi al cinema, come se assistessi a una rappresentazione quotidiana, nuova tutti i giorni. Una proiezione tutta per te, esclusiva, in cui hai sì una parte importante, ma che si svolgerebbe comunque.

I figli crescono, eccome, caro e vecchio padre. Cerca di esserci, con tutti i se e tutti i ma.

Senza dimenticarti di te stesso, però.

Nessun commento:

Posta un commento

Un mondo che se ne va

E siamo giunti alla sera precedente degli esami di Andrea, terza media. E non mi par vero. Ora è più alto di sua madre, adolescente fino a...