venerdì 10 luglio 2009

Un posto in prima fila

- Aioaaaa, Aioaaaa, atte ponto!!!

Così urlava a squarciagola l'altro giorno BiBì, per la prima volta, dalla cucina, chiamando suo fratello alla colazione.

Fa impressione assistere, giorno dopo giorno, a come i figli crescono, imparano, avanzano inesorabili verso la vita, senza che niente e nessuno li possa fermare.

Un giorno si versano l'acqua addosso appena avvicinano un bicchiere alla bocca, e il giorno dopo bevono senza lasciarne una goccia. Una settimana camminano barcollando, e l'altra corrono spediti.

E' bello essere padri, proprio per questo. Perché ogni giorno è come se tu fossi al cinema, come se assistessi a una rappresentazione quotidiana, nuova tutti i giorni. Una proiezione tutta per te, esclusiva, in cui hai sì una parte importante, ma che si svolgerebbe comunque.

I figli crescono, eccome, caro e vecchio padre. Cerca di esserci, con tutti i se e tutti i ma.

Senza dimenticarti di te stesso, però.

Nessun commento:

Posta un commento

La porta (e l'olio)

Olio, tanto olio. In quelle pompette un po' vintage che ancora circolano oggi. In genere di colore rosso. Un pezzo di carta, un po'...