mercoledì 29 luglio 2009

mia figlia, mia figlia, mia figlia...

Notte dura e senza paura.
BiBì era agitatissima, complice anche il caldo.
Si è svegliata:
- all'1,30 urlando e spegnendosi in pochi secondi
- alle 2,30 urlando e spegnendosi dopo pochi secondi e una proposta di biberon
- all 4,45 lamentandosi in modo inusuale (forse una zanzare bastarda che si aggirava)
- alle 6,00, in modo definitivo, con un urlo e un pianto ininterrotto per venti minuti.
Disperata, alla ricerca di sua madre, e avendo davanti solo suo padre. Uno strazio, per le orecchie e per il cuore.
Finalmente si è calmata, grazie a una tecnica consolidata:
- ennesimo dialogo imbecille tra i due caschi per la bici in dotazione (questo lo brevetto, funziona sempre, e lo rivendo alla Chicco)
- proiezione alle 6,45 - mortale, veramente mortale - del dvd fatto al nido con i bimbi cha mangiano, con i bimbi che travasano, con i bimbi che fanno la lezione di musica; ucciderebbe anche un rinoceronte affamato
- proiezione alle 7,15 del dvd della Pimpa, ormai consunto e che potrei recitare a memoria, versi compresi
- colazione alle 7,30 leggendo e disegnando sul libro della Pimpa di Pilù che se lo viene a sapere ci ritroviamo tutti in esilio in Iraq
- vestizione multipla, perché ormai bisogna anche sottostare ai suoi gusti, per ora incomprensibili
- uscita alle 8,15 con casco in testa - sempre quello azzullo - e bici del papà, cantando per tutto il tragitto a squarciagola 'Lassù sulle montagne, pem pem pem, lavorano i sette nani, pem pem, pem'
- arrivo al nido, bacio e notiziona, si stava preparando la piscina per, immagino, un casino infinito per tutta la mattinata
- poi al lavoro.
E stasera si ricomincia, yeahhhhhhhh!!!!
Bella la vita del padre consapevole, di sinistra, che non si tira indietro, che vuole essere presente e determinante nell'educazione democratica e progressista dei figli, con attenzione alle sue esigenze, aiutandoli ma senza forzarli, per un futuro migliore nostro familiare e di tutta la società mondiale, planetaria e oltre l'infinito cosmico.
Ma anche no.

1 commento:

  1. Ciao! Un altro papà blogger! Ti scopro oggi grazie a Blogitalia :-)
    Ti linko.

    RispondiElimina

La porta (e l'olio)

Olio, tanto olio. In quelle pompette un po' vintage che ancora circolano oggi. In genere di colore rosso. Un pezzo di carta, un po'...