venerdì 26 giugno 2009

Verrà la morte e avrà i tuoi occhi

Ore 7,15, di oggi.
Pilù correndo entra nel lettone di mamma e papà assonnati e comincia, come il suo solito, a riversare parole a profusione, senza controllo e freni.
- Papààà, facciamo che siamo una famiglia di dinosauri?
E io bofonchiando - Se proprio ci tieni... Ma non lo possiamo diventare domani che è sabato? tentando disperatamente e democristianamente di rubare qualche altro minuto al dormiveglia.
- No, e poi perché?
La domanda è lecita, in fondo. Gli insegno tutti i giorni che non bisogna rimandare a domani quello che si può/deve fare oggi, e quindi raccolgo quello che semino.
- Allora tu sei papà collolungo, la mamma collolungo è la mamma e io il piccolo collolungo.
Dentro di me penso che somiglia di più a un Trex e sua sorella a un velociraptor, ma passo sopra.
Si comincia con casini con le lenzuola, finti laghetti dove abbeverarsi, erba da strappare e amenità del genere.
Poi, non so come - ma ormai comincio ad abituarmi a questi repentini cambi di scena - arriva la domanda delle cento pistole.
- Papààà, io ho quasi cinque anni.
- Beh, quattro e mezzo, li compi a dicembre... gli rispondo
- Vero, ma BiBì è molto più piccola di me.
- Certo ne fa due alla fine di agosto quindi è decisamente più piccola. E' un periodo che Pilù continua a misurare gli anni, le distanze tra uno e l'altro, le 'anzianità'.
- E tu quanti anni hai? mi chiede a bruciapelo.
- Cinquantuno, gli rispondo con la pressione che comincia a salire.
- Ah beh, ma tra un po' allora muori, conclude.
- .......

Vabbé, è un bambino. Vabbé, è mio figlio. Vabbé, non sa ancora quello che dice.
Però, perdindirindina!, è dura, molto dura. Anzi è durissima.
Sono andato a farmi una doccia.
Nel frattempo un urlo dalla camera degli squali annunciava il risveglio del velociraptor.
Buona giornata, mondo!!!

Nessun commento:

Posta un commento

La porta (e l'olio)

Olio, tanto olio. In quelle pompette un po' vintage che ancora circolano oggi. In genere di colore rosso. Un pezzo di carta, un po'...