venerdì 22 maggio 2009

Un dottore, presto!, un dottore

- Ciao amico!
- Ciao amico!
Quasi tutte le conversazioni di Pilù con i suoi amici/compagni di scuola che si incontrano all'entrata al mattino oppure ai giardini per giocare iniziano così. Grandi abbracci, baci che volano, sorrisi complici.
E stamattina, dopo il 'Ciao amico' con l'Ale scatta la corsa per entrare a scuola.
E, come spesso capita, boom! per terra, sull'asfalto pieno di ghiaia. Urla (senza pianto stamattina), mani bucherellate dai sassolini, e - primo giorno con i calzoni corti!!! - ginocchio sinistro completamente sbucciato. Sangue e cotillons.
Ho un ricordo nitido. Credo avessi intorno ai sei anni, o poco più, estate, in montagna. Sono caduto correndo sulle due ginocchia e mia madre mi aveva messo due croci di cerotti in bella mostra; una per ginocchio. Sembravo in partenza per la Terra Santa. Chissà come mai la mente trattiene per tutta la vita ricordi così marginali...
Entriamo a scuola, e ci buttiamo subito in infermeria per disinfettare, curare, calmare, accarezzare. Pilù è tesissimo, lo si percepisce, e infatti non dice una parola.
- Brucia? gli chiede la signora della scuola.
- No, per niente, le risponde.
E si gira verso di me: - Papàààà, ormai io sono un uomo.
E ha ragione.
E andando in ufficio pensavo 'oggi vendo tutto e da domani ci va lui a lavorare....'

Nessun commento:

Posta un commento

La porta (e l'olio)

Olio, tanto olio. In quelle pompette un po' vintage che ancora circolano oggi. In genere di colore rosso. Un pezzo di carta, un po'...