venerdì 29 maggio 2009

E' un continuo scrutare il cielo

A volte torna.
Come un uccello si abbassa, ti passa vicino, si riallontana, senza perderti di vista, forse per prendere velocità; ma poi riplana, rapidissima, ti tocca delicatamente con un ala.
Si fa sentire, decisa, ma senza farti alcun male.
Quello lo riserva a quando se ne andrà un'altra volta, speriamo, non definitivamente.
La serenità è così. Compare, ti saluta, ma non si ferma mai.

Nessun commento:

Posta un commento

La porta (e l'olio)

Olio, tanto olio. In quelle pompette un po' vintage che ancora circolano oggi. In genere di colore rosso. Un pezzo di carta, un po'...