venerdì 29 maggio 2009

E' un continuo scrutare il cielo

A volte torna.
Come un uccello si abbassa, ti passa vicino, si riallontana, senza perderti di vista, forse per prendere velocità; ma poi riplana, rapidissima, ti tocca delicatamente con un ala.
Si fa sentire, decisa, ma senza farti alcun male.
Quello lo riserva a quando se ne andrà un'altra volta, speriamo, non definitivamente.
La serenità è così. Compare, ti saluta, ma non si ferma mai.

Nessun commento:

Posta un commento

Teatro di prosa

È che la vita è un palcoscenico - anche se la visione è un po' banale e trita - in cui si susseguono scene senza che nessuno abbia scrit...