martedì 28 aprile 2009

Suini con la febbre?

Ricorrono sempre di più le epidemie, le pandemie, le tragedie, i disastri ambientali e alimentari. E poi le crisi finanziarie, i fallimenti.
Voi direte: normale!
Normale un cavolo.
Questo è il mondo al servizio del profitto che avete costruito.
Questo è il mondo, mascherato dietro alla parola 'liberismo', che si è sviluppato, in particolare negli ultimi vent'anni.
Un mondo che giustifica tutto (persino se stesso) di fronte alle uniche parole d'ordine: fare soldi, consumare sempre di più, crescere. A tutti i costi.
E' un mondo ormai asfittico, in cui il denaro, sempre di più!, sta soffocando il libero pensiero, la creatività, la voglia di lasciare il segno.
Oggi ci ritroviamo a discutere intorno a crisi sempre più ricorrenti, a disastri ambientali e alimentari sempre più serrati, a modelli che si incriccano, senza però convincerci che ormai un modello di sviluppo sta tirando i suoi ultimi respiri, e che è necessario un nuovo ordine.
Avete dato per morto l'unico vero sogno del '900, avete fatto 'cadere il Muro', avete detto che gli operai non esistono più ormai (glielo dite voi ai parenti dei morti della Thyssen, vero?), vi siete dichiarati vincitori.
Ma ora i conti non tornano più, eh? Che ne dite?
Ve la fate qualche domanda, almeno adesso?

Nessun commento:

Posta un commento

La porta (e l'olio)

Olio, tanto olio. In quelle pompette un po' vintage che ancora circolano oggi. In genere di colore rosso. Un pezzo di carta, un po'...