venerdì 10 aprile 2009

Non guardate le tv

Signori miei,
io a Milano non ho più la tv. Cioè ho staccato l'antenna e uso il video per vedere dvd (per lo più Winnie the Pooh e Pimpa), e quando riesco qualche film.
Non la frequento più e non sono quindi abituato. Non ci piacciamo a vicenda.
Da ieri sera mi trovo nel mio ritiro in montagna, l'unico buco che ho per rifugiarmi e per scappare da Milano.
Qui la tv c'è e il pomeriggio uggioso, i piccoli squali sconvolti da una lunga camminata mattutina, e la pigrizia del primo giorno di ferie, mi hanno indotto all'infausto gesto, ad accendere.
Suddivisi in maniera bi-partisan (qui si vede a malapena Rai e Mediaset) i programmi verso la seconda metà del pomeriggio ospitavano presunti programmi di informazione in cui lo schifo militante dava il meglio di sul terremoto. Interviste con disperati, presunte indagini sulle inefficienze che assolvevano tutto, ma sopra ogni cosa, i servizi sui funerali di quasi trecento persone. Un'infamia di qualunquismo, di patetica partecipazione, di finte lacrime. Che si ripetevano negli altri programmi, in cui i conduttori ben addestrati scoppiavano in lacrime in diretta giustificando tutto con il ben noto 'the show must go on'. E poi il padrone del paese che, con casco o senza, spadroneggiava su tutti i canali, in diretta, in differita, in registrata, e che prometteva, caldeggiava, piangeva, abbracciava...
E poi quiz imbecilli, x-Factor, la punta di diamante di questo paese pensante, e poi chiappe al vento in pieno pomeriggio.
Ho spento, ho resistito poco più di mezz'ora.
Signori miei, scusate tanto ma io non capisco, non riesco farmene una ragione: ma come si fa solamente ad accenderla?
Come si fa ad accettare simile merda impunemente, senza indignarsi, senza incazzarsi, senza spegnerla subito, immediatamente, ora now?
E poi mi rispondo. Con quasi il 50% degli aventi diritto che vota per questa gente, con un paese illegale nel dna, con zone in mano completamente alla criminalità in combutta con politici locali, con il capo dei capi che è capo anche di tv e di reti commerciali che gli permettono di controllarne anche altre, beh, non c'è alternativa.
Rinconglioniti siamo, rincoglioniti saremo sempre di più, e sempre più a fondo cadremo giù!!!
E io intanto stacco l'antenna anche in montagna, non si sa mai...

Nessun commento:

Posta un commento

La porta (e l'olio)

Olio, tanto olio. In quelle pompette un po' vintage che ancora circolano oggi. In genere di colore rosso. Un pezzo di carta, un po'...