mercoledì 22 aprile 2009

Mamma li turchi!

Dopo i piduisti massoni, i fascisti, i razzisti, i localisti, non potevano mancare gli imbecilli.
Con questa legge regionale - che vieta di mangiare in pubblico kebab, ma anche pizza e gelati - abbiamo finalmente toccato il fondo, da cui è obbligatorio risalire.
Aldilà del divieto in sé, il concetto legislativo di limitare la libertà personale dei molti da parte dei pochi - e pure stupidi - è assolutamente aberrante.
Il punto di partenza lo sappiamo tutti, ed è il solito: attaccare, delegittimare e discriminare lo straniero immigrato e spostare sempre di più il livello di regime.
Tra un po' sarà vietato solo pensare a un chicken tandoori, bersi una birra Corona, oppure leggere un libro di Sepulveda o di Rushdie.
Tra un po' ci metteranno le panchine con scritto sopra 'lumbard e nient'alter' o autobus riservati ai senegalesi.
Tra un po' introdurranno nella bergamasca la coltivazione intensiva di zafferano così da non importarlo più, per cucinare un vero e proprio risotto alla milanes verament padan.
Tra un po' ci vieteranno di espatriare verso sud.
Tra un po' ci chiuderanno i giornali perché sono scritti in italiano.
Tra un po' ci proibiranno di riunirci in più di due, rigorosamente un maschio e una femmina 'perché sennò chissà che idee ci facciamo'.
Tra un po' vorranno uscire dalla Ue e poi saranno veramente cavoli amari per tutti
Tra un po'...
E quello sale nei sondaggi. Povero paese!

Nessun commento:

Posta un commento

La porta (e l'olio)

Olio, tanto olio. In quelle pompette un po' vintage che ancora circolano oggi. In genere di colore rosso. Un pezzo di carta, un po'...