mercoledì 25 marzo 2009

Paura?

Io ho paura. Oggi è cretino non averla.
Soprattutto per i propri figli.
Hanno davanti un futuro sempre più nebuloso, un mondo allo sbando che si autodistrugge, un pianeta ormai asfittico.
E poi... e poi, un paese governato da macchiette piene di soldi (ieri il presidente ferroviere...) che da buoni caudillo de noantri non fanno passare giorno senza farci vergognare di fronte al mondo intero.
Ma vi rendete conto? Ma in questo paese a qualcuno è rimasto un po' si sale in zucca?
Stiamo rotolando verso il baratro, verso il fallimento di un sistema basato solo sul danaro in tutto il mondo, dove tutti, ormai TUTTI si interrogano su alternative e nuovi piani di sviluppo, e da noi, il paese del sole e del mare quant'èbbbbello, noi ci sentiamo dire che per uscire dalla crisi bisogna:
- allargare le proprie case, costruire, alzare...
- essere ottimisti e sputare in faccia ai giornali che ci dicono che tutto va male
- lavorare di PIUUUUUU' (dopo che le aziende licenziano perché non ce la fanno)
Ma vi rendete conto della follia? del pressapochismo, del dilettantismo e dell'incapacità?
Senza parlare della cultura, diventata ormai un brutta parola da evitare. Oppure di un ministro che dice sfrontatamente che il 25 aprile lui NON lo festeggia.
E non dovrei avere paura?
Giovani generazioni fate qualcosaaaaaaa!

1 commento:

  1. Non posso che essere d'accordo e unirmi all'appello...

    RispondiElimina

La porta (e l'olio)

Olio, tanto olio. In quelle pompette un po' vintage che ancora circolano oggi. In genere di colore rosso. Un pezzo di carta, un po'...